*PNRR REGIONALE, SINISCALCO e D’ONOFRIO (LEGA): POCHE IDEE E TANTA  CONFUSIONE PER POLITICHE SOCIALI E DISABILITÀ* 

Campania Felix

06/05/2021

40 visualizzazioni

Nei giorni in cui l’istat ci consegna il primo quadro sul crollo della natalità post lockdown e in cui la Campania è quella a soffrire una delle situazioni più drammatiche con 8600 i bambini non nati e con una flessione pari al 21% rispetto all’anno precedente, leggere quanto previsto nella bozza del Recovery campano inviato al Governo fa veramente sorridere, se non ci fosse da piangere.
Nella cosiddetta missione 5 “inclusione e coesione” infatti troviamo soltanto una misura, tra l’altro molto esigua, che teoricamente sarebbe mirata al sostegno della natalità, con incentivi alla conciliazione vita-lavoro e non meglio precisati interventi in favore dell’imprenditoria femminile: fumosa e generica, dunque.
La domanda è: cosa si prevede nello specifico per cercare di invertire la tendenza di de-natalità e creare finalmente le condizioni perché le donne al sud possano essere anche mamme? E perché non si è pensato a potenziare i posti negli asili nido, anche con l’apertura di nuove strutture? Non bastano gli incentivi allo smart working o quelli per aprire nuove imprese a guida “rosa”, bisogna sostenere quelle migliaia di donne che alle loro imprese rinunciano, chiudono i battenti, perché costrette a scegliere tra il lavoro e la famiglia.
Stesso discorso vale per il tema della disabilità, anche in questo caso pochi spiccioli e male indirizzati per generiche azioni per “favorire l’autonomia di persone con disabilità”. Dove sono i progetti? E dove sono i livelli di intervento a seconda della gravità dei soggetti con disabilità e le attività che si prevedono anche alla luce della pandemia?
Da queste prime battute la Campania sta per perdere un’altra occasione per compiere un passo verso la civiltà. Si apra un tavolo di confronto con i sindacati e con le associazioni di categoria. E in consiglio regionale vengano coinvolte tutte le forze politiche a pronunciarsi su questo tema.
Così in una nota congiunta i responsabili regionali dei Dipartimenti Disabilità e Politiche Sociali della Lega, Antonio Siniscalco e Tommasina D’Onofrio.

Comments

comments

Condivi il post su: