Riparte Mondragone, si muove la città; si muove Mondragone, riparte la città!

Campania Felix

26/06/2019

554 visualizzazioni

MONDRAGONE-(Anna Smimmo ) – Riparte la minoranza consiliare con un incontro pubblico finalizzato a far muovere la città per analizzare insieme una gestione non proprio partecipata e trasparente attuata in ben due anni da parte dell’amministrazione comunale del sindaco Virgilio Pacifico.
Un momento per riflettere con la cittadinanza se la presenza del consigliere regionale Giovanni Zannini risulti veramente un supporto
per la maggioranza amministrativa – politicamente sorretta dall’asse
che va da Landolfi a Fusco, passando per Conte e Petrella – oppure
necessiti di una vera e propria “sopportazione” da parte degli stessi
fin quando sarà opportuno.
Tra i temi al centro dell’incontro pubblico dell’opposizione che si
terrà domani sera – giovedì 27 giugno 2019, alle ore 19.30, presso la
sala conferenze “Mario Pacifico” del museo civico archeologico “Biagio
Greco” di via Genova – vi sarà certamente la spiaggia e gli spazi prospicienti l’arenile, soprattutto alla luce di una inspiegabile tassazione esagerata e di un illegittimo regolamento sulle spiagge
libere attrezzate che la maggioranza e’ in procinto di approvare in consiglio comunale. Da parte della minoranza non potrà mancare poi la dovuta attenzione alla gestione ed alle scelte relative
all’immondizia, soprattutto alla vigilia di più di una incertezza legata ad un eventuale passaggio di cantiere ma, soprattutto, di una nuova inevitabile emergenza rifiuti. Infine la sicurezza in città che e’ peggiorata sensibilmente in termini di percezione pubblica, vuoi
per la recrudescenza di fenomeni microcriminali, frutto soprattutto di
un’assenza di visione politica da parte di Pacifico, anzitutto in termini strategico-organizzativi, delle seppur modeste risorse numeriche della polizia locale. L’aumento sensibile della dis-integrazione sociale oltre che culturale generata da azioni di facciata che, oltre ad aver accennato discutibili operazioni condotte impropriamente da Zannini in diretta social, non sono continuate
neanche in sordina con alcun intervento di sgombero degli stranieri
che affollano in condizioni disumane determinati quartieri della
città. Insomma, i consiglieri comunali di minoranza – a differenza
delle modalità utilizzate dagli attuali amministratori di maggioranza
negli anni addietro quando erano all’opposizione – ritenevano di dover
lasciar fare e solo ora, dopo ben due anni, sono pronti a chiedere al
sindaco Pacifico ed al consigliere Zannini di lasciar stare e di fare
un passo indietro anzitutto per rispetto dei Mondragonesi, perché se
si muove Mondragone riparte la Città!
E’ quanto affermano i consiglieri comunali di minoranza Valerio Bertolino, Achille Cennami, Pasquale Marquez, Alessandro Pagliaro, Antonio Pagliaro e Giovanni Schiappa.

Comments

comments

Condivi il post su: